Christian Eriksen Inter
Approfondimenti

Inter-Shakhtar potrebbe essere l’ultima chance per Eriksen

Inter-Shakhtar è una partita decisiva e potrebbe anche essere l’ultima occasione per Eriksen di mostrare il suo valore

Partita da dentro o fuori per l’Inter di Conte che stasera alle 21:00 a San Siro affronta lo Shakhtar Donetsk nella sfida di Champions League che può valere il passaggio del turno agli ottavi di finale. Per passare il turno l’Inter deve vincere contro gli ucraini e sperare che Real Madrid e Monchengladbach non pareggino. Serata di ultime chance, una di queste riguarda Christian Eriksen.  Il centrocampista dell’Inter dovrebbe partire dal primo minuto viste le assenze del centrocampo nerazzurro. Per il calciatore danese, uomo mercato da mesi, potrebbe essere l’ultima occasione per dimostrare il proprio valore.

Eriksen titolare contro lo Shakhtar

Nella conferenza stampa pre gara Antonio Conte ha confermato le tante assenze a centrocampo dell’Inter. Una su tutte, quella di Arturo Vidal che era uscito nella sfida in campionato vinta 3-1 contro il Bologna per un risentimento muscolare. Infortunio confermato: il mediano cileno dell’Inter non si è allenato in questi giorni e salterà sicuramente lo Shakhtar.

Ma il fattore determinante della titolarità di Eriksen in Champions League è data da un altro infortunio, quello di Nicolò Barella. Il centrocampista ex Cagliari si è fermato in allenamento per un problema alla caviglia che lo costringe quasi certamente al forfait per la gara di stasera. Oltre ai già indisponibili Vecino e Nainngolaan non convocati per la sfida, restano Brozovic e Gagliardini che ad ora partono titolari nella formazione nerazzurra. Erikesn sembra quindi quasi sicuro di un posto nella mediana dell’Inter.

Le possibili alternative di Conte

C’è poi l’ipotesi che possa essere Sensi a scalzare il danese per una maglia da titolare. Il centrocampista ex Sassuolo però è stato definito da Conte ancora non pronto. Per l’allenatore dell’Inter non ha ancora recuperato dai vari infortuni che lo hanno tenuto lontano dal campo per diversi mesi e questa ipotesi sembra alquanto improbabile.

Conte però in preparazione della gara sta valutando altre possibili alternative all’inserimento del centrocampista danese tra i suoi titolari. L’opzione più percorribile in caso sarebbe il cambio di modulo, dal tanto amato 3-5-2, alla difesa a 4 e all’arretramento di Sanchez sulla trequarti, nella posizione che dovrebbe ricoprire Eriksen. Sarebbe un azzardo per una squadra più offensiva e limiterebbe la possibilità di cambi per i nerazzurri, ma non è da escludere.

Il rapporto con Conte e la possibile cessione

Il rapporto tra Eriksen e Conte si può dire non sia mai nato. L’ultima partita di Serie A, vinta per 3-1 dai nerazzurri ne è l’ennesima prova. Conte lo manda in campo negli ultimi due minuti di partita e il danese inquadrato dalle telecamere non sembra apprezzare la scelta dell’allenatore. Invece di festeggiare la vittoria con i compagni al triplice fischio il centrocampista di Conte è rientrato immediatamente negli spogliatoi in solitudine. Sembra chiaro a tutti infatti che nonostante la possibile titolarità contro lo Shakhtar di questa sera, Eriksen sia ai ferri corti con Conte e ormai un peso per la società che avrebbe già programmato la sua cessione a gennaio, anche in prestito, pur di liberarsi del suo ricco ingaggio.

L’esperienza di un giocatore internazionale

L’esperienza di Eriksen in fondo, potrebbe fare al caso dell’Inter, più che mai in questa partita. Il danese ha all’attivo in Champions League 48 partite, condite da sette gol e 13 assist. Non va dimenticato il peso specifico del giocatore, che un anno fa aveva trascinato il suo Tottenham fino alla finale contro Liverpool di Jurgen Klopp, e che quella di questa sera per lui sarebbe la 194° gara internazionale.

Inter-Shakhtar è senz’altro la partita del doppio verdetto, per l’Inter e per il suo cammino in Champions League e per Eriksen per convincere tutti che è il giocatore giusto per questa squadra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *