Lukaku Inter
Interviste

Inter, Lukaku: “Sto giocando il mio miglior calcio, siamo sulla strada giusta”

Lukaku decisivo contro il Borussia Monchengladbach: la sua doppietta tiene in corsa l’Inter per la qualificazione agli ottavi di Champions League. Il belga soddisfatto, ma sente di poter dare ancora di più

L’Inter si riscopre squadra unita e compatta nella partita più importante di questo turbolento avvio di stagione. La squadra di Antonio Conte ha ottenuto una vittoria pesante in Champions League sul campo del Borussia Monchengladbach per 3-2. I tre punti permettono ai nerazzurri di rimanere in corsa per il passaggio agli ottavi di finale, con i verdetti rimandati all’ultima giornata. Un’impresa titanica che porta la firma di Romelu Lukaku, leader tecnico e carismatico, ed autore – come all’andata – di una doppietta.

Il fattore Lukaku in Champions League

Romelu Lukaku si è rivelato ancora una volta l’incubo della difesa tedesca: devastante nelle ripartenze, insuperabile nei duelli fisici. L’attaccante belga è stato un fattore determinante per tutti i novanta minuti. Ne sa qualcosa Zakaria, spedito in campo nel secondo tempo da mister Rose per cercare di limitare Big Rom. Niente da fare. Sotto una pioggia battente, l’ariete nerazzurro ha prima fatto d’apripista con un colpo di tacco per l’1-0 e poi ha siglato una doppietta: “Sono solo uno dei 25, in campo penso solo a dare tutto per far vincere la squadra“, ha confidato Lukaku a Sky Sport a fine match.

La modestia – sempre apprezzabile – dell’attaccante stride, però, con i numeri di Lukaku che certificano la sua importanza nel gioco di Antonio Conte. Il belga sta vivendo un momento magico. La doppietta realizzata al Borussia Monchengladbach ha permesso a Big Rom di eguagliare il bottino di reti (4) raggiunto nelle ultime due edizioni della Champions League. Ma non solo: il centravanti ha preso parte a tutti gli ultimi sei gol dell’Inter nel torneo (6 reti e 2 assist) e – considerando anche l’Europa League – ha portato a nove la striscia di partite consecutive nelle quali è andato a segno nelle competizioni europee con l’Inter (10 gol): “Sono contento di giocare con questi ragazzi perché da quando sono qui, nell’ultimo anno e mezzo, ho giocato il mio miglior calcio“.

Lukaku mette Bologna e Shakhtar nel mirino

Il girone di Champions League è ancora aperto a qualsiasi verdetto. La vittoria ottenuta sul campo del Borussia Monchengladbach tiene in corsa l’Inter per il passaggio agli ottavi e può rappresentare una svolta per la stagione dei nerazzurri: “Siamo una squadra che deve ancora crescere. Io, anche, ho ampi margini di miglioramento. I tre punti conquistati contro i tedeschi possono darci una spinta per il futuro“, ha detto Lukaku a Inter Tv.

L’Inter – che non vinceva in Germania da nove anni (Bayern Monaco-Inter 2-3, 15 marzo 2011) – guarda ora con ottimismo alle prossime sfide. Lukaku, miglior marcatore stagionale dei nerazzurri con 11 gol segnati in 12 partite, ha già messo nel mirino Bologna e Shakhtar: “Dobbiamo continuare a lavorare. Sabato abbiamo un’altra partita contro la squadra di Mihajlovic. Sarà un test importante visto che lo scorso anno abbiamo perso contro di loro. Vincere con il Bologna darebbe la giusta carica in vista dell’ultimo e decisivo match di Champions League con lo Shakhtar“.

Il Bologna è la sua seconda vittima preferita in Serie A con tre reti realizzate. Davanti solo il Genoa (5). Anche agli ucraini Lukaku ha siglato già due reti nella semifinale di Europa League della passata edizione vinta dall’Inter 5-0. Le premesse per fare bene ci sono tutte, ma il primo passo è trovare continuità nelle partite, senza cali di tensione: “Stiamo crescendo, ma la vittoria di oggi deve servire da monito. Sul 3-1 la partita doveva essere chiusa. Loro avevano segnato e siamo stati fortunati che sia stato fuorigioco. Abbiamo concesso troppe occasioni, ma era una finale da vincere e lo abbiamo fatto. Siamo sulla strada giusta“.

L’intervista di Lukaku nel post gara di Borussia Monchengladbach-Inter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *