Eriksen Inter
Interviste

L’ex ct della Danimarca tuona: “Conte sta umiliando Eriksen”

Le parole di Age Hareide sulla situazione che sta vivendo il suo ex pupillo all’Inter, con Conte che lo sta utilizzando col contagocce

Il periodo che Christian Eriksen sta vivendo all’Inter non è certo bellissimo, infatti sono appena 11 i minuti giocati nelle ultime quattro partite disputate dai nerazzurri. Cinque contro il Sassuolo, due contro il Bologna, quattro nella sfida di Champions League contro il Real Madrid e zero contro il Monchengladbach.

In suo supporto arrivano le parole del suo ex ct nella nazionale danese Age Hareide che l’ha allenato per quattro anni e ha avuto parole dure sia nei confronti di mister Conte che contro la società nerazzurra.

Ultima pedina da utilizzare a centrocampo

Conte ha cercato di inserirlo nel suo 3-5-2 nella passata stagione, variando e inserendo il trequartista per poi ritornare al suo preferito centrocampo a cinque nelle ultime sfide di Europa League. Dopo aver lavorato col danese nel corso della breve preparazione atletica, ha provato nuovamente nelle prime partite della stagione in corso, ma i risultati sono stati scarsi.

Eriksen nella stagione 2020/21 era partito come prima scelta nel centrocampo interista. Infatti è stato titolare contro la Fiorentina – prima partita stagionale dell’Inter – per essere sostituito al 64′ con la squadra interista sotto 3-2, ha giocato 78 minuti incolori nella prima di Champions League contro il Monchengladbach.

Sono poi seguite alcune partite di panchina, per ritornare a disputare 58 minuti contro il Genoa alla quinta di campionato e col subentrato Barella autore dell’assist del gol decisivo di Lukaku. L’ultima occasione c’è stata contro il Parma – lo scorso 31 ottobre – partita nella quale ha disputato 58 minuti per poi essere sostituito da Brozovic autore del gol che ha rinvigorito l’Inter sotto di due reti.

È perciò finito nelle gerarchie di Conte dietro a quasi tutti i centrocampisti, infatti il tecnico leccese gli preferisce Barella, Brozovic, Gagliardini e Vidal che si alternano come titolari. Anche Sensi – quando è arruolabile – gli è davanti. Riesce ad essere davanti ai soli Nainggolan e Vecino che però passano più tempo in infermeria.

“È umiliante essere messo in campo in pieno recupero”

In difesa del centrocampista danese arrivano le parole del suo ex ct della Nazionale dal 2016 al 2020. Age Hareide nel corso di un’intervista a B.T. Sport – emittente sportiva del Regno Unito – ha tuonato contro Conte: “Prima di tutto, penso sia un peccato per lui. E’ sbagliato che Conte lo tenga fuori così tanto. Non è mai divertente cominciare le partite in panchina, ma è addirittura umiliante entrare nei minuti di recupero come accaduto nell’ultimo fine settimana”.

Nel corso dell’intervista continua elogiando quanto di buono fatto da Eriksen durante la sua permanenza in Inghilterra al Tottenham, nel quale si è mostrato come uno dei migliori interpreti del suo ruolo: “Secondo me è abbastanza bravo per giocare nell’Inter, ha già dimostrato di essere un giocatore importante sia per la Danimarca che per il Tottenham in Premier League, dove è stato un giocatore chiave.

Le ultime parole sono nei confronti dell’agente del danese, esortandolo quasi a trovargli una soluzione migliore per il prosieguo della sua carriera: “Se fossi il suo agente lo incoraggerei ad andare via? Non so, non dipende da me. Eriksen e il suo agente devono capirlo. Ma ormai è chiaro che la situazione attuale non è ottimale per lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *