Moratti Inter
Interviste

Moratti ammette: “Juventus superiore, l’Inter ha un bel futuro”

L’ex presidente nerazzurro riconosce la superiorità della Juventus e parla della situazione dell’Inter, dal calciomercato al futuro

Massimo Moratti si espone a viso aperto ai microfoni di Tuttosport, elogiando i rivali di sempre della Juventus. Nonostante il suo attaccamento alla maglia nerazzurra, l’ex presidente nerazzurro riconosce la superiorità bianconera, spronando l’Inter a fare meglio. Ha parlato inoltre del calciomercato dell’Inter e dei giocatori che vorrebbe vedere a San Siro in futuro. Ha voluto toccare argomenti più delicati come la politica nel calcio e le società calcistiche. Un Massimo Moratti a tutto tondo, che, senza esclusione di colpi ha parlato dei temi più caldi del calcio attuale.

Moratti elogia la Juventus e vede un bel futuro per l’Inter

Sono passati già sette anni dall’addio di Massimo Moratti all’Inter. La sua passione smisurata verso il club, però, è sempre rimasta. Ad oggi l’ex presidente con grande sportività riconosce la Juventus superiore, sia dal punto di vista organico che da quello economico. Una situazione, quella attuale che vede la Juventus ancora in testa alle gerarchie del campionato, e Moratti lo ha affermato: “La Juve ha conquistato meritatamente gli ultimi nove titoli. È ancora la squadra più completa sotto tutti i profili, dai singoli giocatori alle possibilità economiche”.

Momento di grandi incertezze anche per la Juventus, a tal proposito Moratti ha voluto condividere un pensiero sul nuovo progetto firmato Andrea Pirlo:Molto dipenderà da come Pirlo riuscirà a inserirsi. Fa impressione pensare che ne vinca dieci di fila, l’unica misura per contrastarlo è fare una squadra più forte”.

L’Inter al momento non la vede sullo stesso livello della Juventus, ritenuta ancora una spanna sopra al resto dei club italiani. Secondo l’ex presidente però, si prospetta un futuro florido per i nerazzurri:Nell’Inter c’è una famiglia che fa ben sperare, che vuole investire per ottenere soddisfazioni importanti. È un buon inizio per un futuro di prospettiva, anche se confuso dalla pandemia. Il rientro però è su basi solide”.

Dai protagonisti dell’Inter di oggi al calciomercato: il pensiero di Moratti

L’ex numero uno nerazzurro ha voluto soffermarsi sulla situazione dei giocatori attuali dell’Inter e dare il suo pensiero sul calciomercato che farebbe. Moratti si è detto soddisfatto di molti giocatori che già possiede l’Inter, e nostalgicamente ha pensato a come giocherebbero sotto la sua guida: “Lukaku è un bomber da tanti gol e avrebbe fatto molto bene anche alla mia Inter. Anche Barella è fortissimo, come anche Sensi che purtroppo ha il deficit degli infortuni frequenti, Lautaro ha classe per crescere tanto”.

Parlando del tecnico bianconero non poteva non dire la sua su Antonio Conte, tecnico dell’Inter dalla personalità indiscussa: Conte? Questa è una stagione strana, anche nel calcio. Lui ha un carattere forte, attento su ogni dettaglio”. La situazione del calcio attuale è strana, così come il periodo di Eriksen all’Inter. Reduce da poche presenze e prestazioni deludenti, lo scontento del danese è uno degli argomenti centrali del mondo nerazzurro negli ultimi mesi.

La cessione sembra alle porte e anche Moratti dice la sua: Capita di inserire giocatori che sono dei talenti indiscussi ma che non riescono ad avere successo, per ragioni caratteriali o per il poco tempo. È ciò che sta accadendo ad Eriksen, il calcio è paziente ma fino a un certo punto. Penso che se dovesse continuare così l’Inter potrebbe scambiarlo” conclude. Come si è potuto evincere per l’ex presidente il calciomercato è un tema caldo. Infatti alle dichiarazioni appena rilasciate si aggiunge un momento nostalgico per Moratti, che ipotizza gli acquisti che avrebbe effettuato se fosse ancora presidente.

Non nasconde che Kantè e Koulibaly sarebbero ideali nel suo progetto, spendendo parole d’oro per loro: Kanté sarebbe un giocatore fondamentale per l’Inter, avrei preso anche Koulibaly, non mi nascondo, per me è il miglior difensore in Europa.

Tra calcio e politica, passando per l’Italia di Mancini

Moratti dopo aver toccato molteplici argomenti legati al mondo del pallone vuole dire la sua sulla situazione politica nel calcio, parlando delle attuali situazioni societarie ed economiche. È ormai chiaro che la situazione economica nel calcio non sia delle più rosee. Massimo Moratti appoggia l’idea di introdurre più politica nel calcio, dichiarando: “Qualsiasi cosa dalla politica è benvenuta nel calcio. Credo ci sarà grande attenzione nei confronti del calcio, perché la politica ha bisogno che vada avanti, soprattutto come distrazione per la gente in questo momento difficile”.

Facendo riferimento alle situazioni societarie difficili non nasconde i problemi: “Il fatto è che gli introiti degli stadi erano cash. Questa mancanza mette le società in forte difficoltà”. Argomento di grande attualità è anche il “salary cap”. Questo problema ha fatto discutere molte persone riscontrando opinioni diverse.

L’ex numero uno nerazzurro a tal riguardo ha voluto fare il suo commento: Il salary cap? Credo che i giocatori debbano essere disponibili. Era capitato anche a me chiedere una riduzione e tutti hanno sempre risposto presente. Bisogna però essere puntuali nei pagamenti, dimostrando correttezza nei loro confrontiha concluso. Parole affettuose e di stima anche per Roberto Mancini, attuale ct della nazionale: “Voglio bene a Roberto, ha qualità e sta sfruttando i tanti giovani talentuosi di cui dispone”.

Sull’Italia di Mancini si è espresso così: “Mancini è bravo, lo è stato molto anche all’Inter. Ha talento, lavora sodo e vuole che lo facciano anche i suoi giocatori. Può sorprendere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *