Alexis Sanchez
Ultime notizie

Inter, calvario Sanchez: ancora un infortunio in nazionale. Nervi tesi con il Cile

Incubo Sanchez, nuovo stop muscolare. Alta tensione tra l’Inter ed il ct cileno, che accusa: “Non è stato curato”

Non arrivano buone notizie per Antonio Conte dal Cile. Si ferma nuovamente Alexis Sanchez in nazionale, in via precauzionale. L’infortunio, di natura muscolare, ha portato l’attaccante ad abbandonare l’ultima seduta di allenamento. L’Inter aveva già presente l’entità dell’infortunio ed era considerato dallo staff medico un “affaticamento muscolare”. L’infortunio ad ora non sembra essere preoccupante, ma bisognerà monitorarlo costantemente.

L’entità e le dinamiche dell’infortunio

Ancora problemi fisici per l’ex Manchester United. Il cileno, sentendo nuovamente fastidio all’adduttore, peraltro muscolo che già gli dava noia, ha dovuto finire anzitempo la sessione di allenamento. Lo staff medico perciò ha deciso di fermarlo in via precauzionale, per evitare di peggiorare la situazione, già delicata, dato il fisico “di cristallo” dell’attaccante. Alexis Sanchez è tutt’ora sotto osservazione, ed in questi giorni verrà nuovamente visitato per scongiurare infortuni più seri.

Al momento lo stop non desta particolare preoccupazione, il cileno potrebbe già rivedersi nella sfida contro il Perù. La nazionale cilena e l’Inter questa volta non lasceranno nulla al caso e rimarranno vigili sulla situazione. Massima attenzione perciò da parte dei nerazzurri, che sono in attesa di aggiornamenti.

Parole dure del ct cileno all’Inter, che replica: “Accuse inaccettabili ed offensive”

L’infortunio di Alexis Sanchez ha dato vita ad uno scontro tra la nazionale cilena ed il club nerazzurro. Il ct del Cile, Reinaldo Rueda ha recentemente accusato l’Inter di scarso rispetto. Il tecnico parlando delle condizioni fisiche di Sanchez si è sfogato così: “Alexis si trascina da tempo un fastidio, per precauzione è stato visitato ed è stata esclusa qualsiasi situazione complessa.
Questo staff medico si prende cura di lui, non lo rischieremo. Con tutto il rispetto per le istituzioni europee, vorrei che rispettassero i nostri medici, vorrei che se ne fossero occupati come abbiamo fatto noi qui”.

Il ct dopo le dure parole ha accusato l’Inter di non aver curato il giocatore. Repentina la risposta del club nerazzurro, che con un comunicato fa chiarezza sulla situazione. L’Inter replica così alle dichiarazioni di Rueda: “F.C Internazionale ritiene inaccettabili, offensive e non veritiere le dichiarazioni del commissario tecnico del Cile, Reinaldo Rueda. Il club ha da sempre la massima collaborazione e ottimi rapporti con tutti gli staff delle rappresentative nazionali”.

L’Inter già in passato dovette fare i conti con il Cile e Sanchez, ad ottobre 2019, quando l’attaccante si infortunò al tendine peroneo. Dovette stare lontano dal campo per ben 84 giorni, saltando 14 partite. L’Inter perciò accusa la nazionale cilena di aver portato nuovamente un danno al club, e continua dicendo: “Il giocatore ha riscontrato un problema fisico in quasi tutte le convocazioni con la propria nazionale. In una di queste ha subìto un grave infortunio che lo ha tenuto per tre mesi lontano dai campi da gioco. Questo ha rappresentato un grave danno sportivo per il club, da sempre attento alla salute dei propri giocatori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *