Candreva Verona-Inter
Serie A

Verona-Inter 2-2, le pagelle: Candreva il migliore, Conte ritarda i cambi

Nerazzurri in difficoltà per tutta la partita. Sugli scudi Lukaku e Candreva. Gagliardini, Godin e Skriniar in ombra. Le pagelle di Verona-Inter

Pareggio 2-2 tra Verona e Inter, con i nerazzurri che si fanno rimontare nel finale dopo aver ribaltato un primo tempo bruttissimo. Dopo questa giornata i nerazzurri scivolano al quarto posto in classifica, scavalcati dall’Atalanta, con 65 punti. L’unica nota positiva sono gli otto punti che mancano all’Inter per centrare almeno la qualificazione alla prossima Champions League. Le pagelle dei nerazzurri.

Verona-Inter: le pagelle dei nerazzurri

Handanovic 5,5: qualche colpa per il portiere interista sul gol di Lazovic, sul quale si fa sorprendere sul suo palo. Impreciso con i piedi nella partenza dell’azione da dietro. Incolpevole sul pareggio di Veloso nel finale.

Godin 5: ritorna a vestire la maglia da titolare e dimostra tutte le sue incertezze con chiusure difensive non proprio perfette. Ha qualche colpa sulla percussione finale di Rrahmani che porta al pareggio finale degli scaligeri.

De Vrij 5,5: in difficoltà contro i contropiedi fulminanti degli attaccanti del Verona. Perde qualche sanguinoso pallone nel primo tempo che per poco non portano il Verona al gol.

Skriniar 5: rientra male dalla squalifica sbagliando nettamente il tempismo sul gol in avvio di Lazovic, che condiziona il resto della partita nerazzurra.

Candreva 7: è l’unico a mettere qualche pallone in mezzo all’area e a cercare la superiorità numerica sulla fascia. Un gol e mezzo per l’esterno interista che è l’attaccante più pericoloso della sua squadra.

Gagliardini 5: in ombra e in difficoltà per tutta la partita, non riesce a farsi perdonare gli ultimi errori commessi nelle ultime uscite che sono costati punti preziosi all’Inter.

Brozovic 5,5: non riesce ad arginare le ripartenze degli avversari, anche perchè non assistito adeguatamente dal compagno di reparto Gagliardini.

dal 70′ Vecino 5,5: non da l’energia che il suo allenatore pretendeva col suo ingresso.

Young 5,5: si fa vedere poco in proiezione offensiva, anche perchè è spesso costretto a coprire difensivamente le percussioni degli scaligeri.

Borja Valero 5: lo spagnolo gioca nella stessa posizione di Eriksen, ma le sue incursioni non sono pericolose e sbaglia spesso la scelta sull’ultimo passaggio. Nervoso si fa anche ammonire per uno screzio con Amrabat.

dall’88’ Eriksen s.v.

Sanchez 6,5: Conte si aspetta molto dalla sua velocità e dalla sua tecnica. Dopo un avvio di partita morbido, fa vedere tutta le sue abilità.

Lukaku 6,5: gioca molto di sponda per favorire l’inserimento dei compagni, ma non riesce mai a trovare lo spazio necessario per la conclusione. Al primo tiro in porta colpisce il palo. Determinante per la squadra, infatti dopo la sua uscita l’Inter soffre moltissimo.

dal 76′ Lautaro Martinez 5,5: volenteroso come sempre, però è impreciso sotto porta. Non è un vice-Lukaku e infatti dall’uscita del belga l’Inter non riesce più a tenere la palla per far rifiatare la difesa.

All. Conte 5: così come nelle ultime partite, la squadra non approccia bene la partita sembra quasi scarica mentalmente. Riesce a scuotersi all’inizio della ripresa, ma crolla nel finale. Troppi ritardati i cambi del tecnico leccese, con una squadra in difficoltà atletica.

Come cambia la classifica dopo la 31^ giornata di Serie A

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *