Barella Gervinho Inter-Parma
Serie A

Parma-Inter 1-2, i nerazzurri riescono a portare a casa tre punti vitali

L’Inter vince 2-1 contro il Parma, senza meritare il successo. La vittoria consente ai nerazzurri di mantenere accese le poche speranze per lo scudetto

L’ultima partita della 28^ giornata di Serie A tra Parma e Inter finisce 2-1 in favore dei nerazzurri. Con Conte squalificato, la squadra milanese è guidata in panchina da Stellini, col tecnico leccese che segue la partita dalla tribuna deserta del Tardini. L’Inter dopo aver giochicchiato per 80 minuti – con un primo tempo disastroso – riesce a portare a casa tre punti che le consentono di giocarsi le residue speranze di scudetto in questo convulso finale di campionato. Il Parma, invece, resta all’ottavo posto ma viene distanziato di tre punti dal Milan nella corsa all’ultimo posto utile per la prossima Europa League.

Parte meglio l’Inter, pericolosa al 5′ con Lautaro – servito da Candreva – che viene anticipato in angolo dopo una grande transizione offensiva. Sugli sviluppi del corner battuto da Eriksen, Dermaku salva sulla linea in seguito ad una spizzata sul primo palo di Gagliardini. Al 12′ si fa vedere il Parma con Gervinho che va vicinissimo al gol, mandando di poco al lato, dopo una bella triangolazione sulla destra tra Laurini e Kulusevski. Gervinho si fa perdonare al 15′ quando servito bene da Kucka al limite dell’area, salta Candreva ed evita l’intervento di D’Ambrosio mettendo in rete il gol del vantaggio per i ducali. Reazione Inter al 18′ punizione dalla destra, Godin colpisce di testa e Kurtic la prende col braccio, l’arbitro Maresca va a rivederla al var e decreta il fuorigioco dell’uruguaiano. Il Parma pericolosissimo in contropiede al 26′, accelerazione di Gervinho che semina la difesa interista e serve Cornelius che spreca mandando alto. L’Inter si spinge in avanti ma senza creare particolari occasioni, infatti è di nuovo la squadra di casa ad andare vicinissima al gol al 41′ con Cornelius che dal limite dell’area piccola calcia di poco al lato. Prima della conclusione del tempo è Lautaro al 45′ a provare la via del gol, ma Sepe è pronto e blocca il tiro.

La ripresa inizia con il lento palleggio dell’Inter e col Parma che si difende ordinato, cercando di ripartire in contropiede. Al 52′ ci provano prima Godin e poi Lautaro sugli sviluppi di un calcio d’angolo ma senza fortuna. Kulusevski è pericoloso in contropiede al 58′, ma Handanovic è pronto e respinge il tiro dello svedese. Al 61′ Eriksen viene trovato al limite dell’area da Candreva, dopo una bella percussione centrale di Godin, ma il tiro finisce largo. I tanti cambi rallentano la fase centrale del tempo, molto piatta e con poche azioni pericolose. Si rifà vedere l’Inter al 78′ col neoentrato Sanchez che prima serve Lukaku che spreca calciando di poco al lato, e poi va da solo al tiro trovando un attento Sepe. I nerazzurri trovano il pareggio all’84’ con de Vrij che corregge in rete una sponda di Lautaro su un’angolo battuto da Young. Il Parma protesta per una leggera spinta dell’attaccante argentino, tant’è che Kucka viene espulso per le veementi polemiche nei confronti dell’arbitro. L’inter riesce addirittura a ribaltarla con Bastoni che da solo sul secondo palo, spinge in rete un preciso cross di Moses all’87’. Nerazzurri vicini al terzo gol al 90′ con Young che servito da Gagliardini trova pronto il portiere gialloblu.

Il tabellino di Parma-Inter 1-2

Parma (4-3-3): Sepe; Laurini (87′ Darmian), Dermaku (77′ Regini), Bruno Alves, Gagliolo (46′ Pezzella); Kucka, Scozzarella (55′ Hernani), Kurtic; Kulusevski, Cornelius, Gervinho. All. D’Aversa.

Inter (3-4-1-2): Handanovic; Godin (73′ Bastoni), de Vrij, D’Ambrosio; Candreva (69′ Moses), Barella, Gagliardini, Biraghi (69′ Young); Eriksen (69′ Sanchez); Lukaku, Lautaro Martinez (89′ Borja Valero). All. Stellini.

MARCATORI: Gervinho al 15′, de Vrij all’84’, Bastoni all’87’

ASSIST: Lautaro Martinez, Moses (I)

AMMONITI: Dermaku, Kurtic (P); L. Martinez, Gagliardini, Godin, Moses (I)

ESPULSI: Kucka (P); Berni (I – non dal campo)

NOTE: –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *