Esposito Inter
Calciomercato Inter

Calciomercato Inter, distanza con Esposito per il rinnovo di contratto

Non è stata trovata ancora la quadra per il rinnovo di contratto dell’attaccante classe 2002. Braccio di ferro tra Inter e Esposito

Tra le prime scelte di Antonio Conte – appena sbarcato sulla panchina dell’Inter – c’è stata quella di non vendere per nessun motivo Sebastiano Esposito. Ha deciso di fargli giocare alcune partite che hanno permesso al giovane ragazzo di mettersi in luce e di poter pretendere un ingaggio più alto.

Rinnovo di contratto di Esposito: le richieste

Esposito ha un contratto in scadenza nel 2022, e il club di Suning sta cercando in tutti i modi di trovare l’accordo con il procuratore del ragazzo. La trattativa continua a essere complicata, nell’ultimo incontro di giovedì scorso non è stata raggiunta alcuna intesa. Continua a esserci distanza tra l’offerta – circa 800 mila euro – e la richiesta economica, vicina al milione di euro. La situazione è intricata, i dialoghi sono continui e la speranza è quella di arrivare presto a un accordo fino al 2025.

Ad appesantire la questione ci sarebbero anche alcuni procuratori vicini all’ambiente Inter che stanno cercando di mettere sotto la propria ala protettrice il classe 2002. Il ragazzo ha scelto di abbandonare Augusto Carpeggiani, per farsi seguire – probabilmente – da Federico Pastorello. Quest’ultimo è molto vicino all’Inter e nell’ultima sessione di mercato ha curato il trasferimento di Lukaku in nerazzurro.

I numeri di Sebastiano Esposito

Dopo averlo trattenuto quest’estate – nonostante le tante richieste di prestito che l’Inter aveva ricevuto – Conte ha mantenuto le promesse dando la possibilità a Esposito di mettersi in luce e di dimostrare il suo valore. Il diciassettenne di Castellammare di Stabia quest’anno può vantare 11 presenze tra Serie A, Champions League e Coppa Italia. I momenti più belli sono sicuramente il gol su rigore contro il Genoa il 21 dicembre 2019 e il rigore procurato in Champions League contro il Borussia Dortmund.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *